Montecassiano un piccolo borgo avvolto dalla magia medievale

Chiudete gli occhi e immaginate un piccolo borgo arroccato sulle verdi colline marchigiane, racchiuso da imponenti mura medievali. Sentite la leggera foschia che oggi sta avvolgendo questo luogo misterioso. Adesso fate un respiro profondo e passate per questa maestosa porta, la quale in passato era munita di un grande ponte levatoio. Riuscite a immaginare tutti quei cavalieri dallo sguardo enigmatico mentre accerchiano l’imponente cinta muraria? Ora datemi la mano e concedetevi un gesto rilassato: da adesso in poi vi invito a perdervi insieme a me tra gli affascianti vicoli di Montecassiano.

Montecassiano, in provincia di Macerata rientra tra i Borghi più Belli d'Italia e vanta diversi riconoscimenti, tra cui la Bandiera Arancione che sventola prodigiosa tra le finestre del Palazzo dei Priori. Prima di proseguire, cosa ne dite se ci fermiamo ad ammirare la principale piazza del paese? 

5 Cose da fare e vedere a Montecassiano

1) Ammirate la maestosa Piazza Unità d’Italia
La piazza, il centro vitale di ogni città è una sorta di palcoscenico dell’identità di un popolo, che permette la manifestazione quotidiana della collettività. Per me la piazza è un eterno simbolo della personalità di un luogo ed è sempre pronta ad accogliere la folla per feste, celebrazioni religiose e mercati
Ora siamo nella Piazza Unità d’Italia, nel cuore di Montecassiano. Ammirate la sua bellezza, gli splendidi edifici di architettura civile e religiosa che la circondano. Il Palazzo dei Priori, che si affaccia elegantemente sulla piazza, rappresenta un bel modello di architettura gotica nelle Marche.


2) Fate tutti i gradini possibili tra chiese e palazzi d’epoca 
Dopo questo momento di contemplazione, andiamo verso la scalinata che ci porta alla Chiesa di S. Maria Assunta. A Montecassiano antichi vicoli e suggestive scalinate collegano i vari livelli del centro storico. Ammirate la bellezza architettonica del paese, la devozione e il silenzio delle chiese, le innumere opere artistiche presenti in luoghi sacri e palazzi d’epoca. Facciamo una pausa al Palazzo Compagnucci, sede della pinacoteca civica Girolamo Buratto. Nel piano nobile di questo palazzo ci sono splendide sale affrescate in stile pompeiano e importanti opere esposte come Il Sogno di Giacobbe, attribuito al Buratto, allievo del Pomarancio.
In questo paese ci sono scalini che sembrano non avere tempo e se vi ci sedete, penserete che da un momento all’altro possa passare una donna coi vestiti tradizionali e un cestino pieno d’uva, pronta per la pigiatura.


3) Ballate il saltarello, anche sotto la pioggia
Shhh…fermiamoci un attimo, anche se comincia a piovigginare. Riuscite a sentire il rumore del tamburello e dell’organetto
In quel angolino c’è un gruppo folkloristico che sta ballando il saltarello! Conoscete questo ballo?
Il saltarello marchigiano è un ballo popolare ricco di varianti e molto radicato in alcune zone delle Marche, come qui a Montecassiano e dintorni.
“Saltarello” deriverebbe dalla parola latina “saltatio”, una danza sacra romana, che i sacerdoti Salii eseguivano durante determinate feste e occasioni importanti per la comunità. 
Questo ballo ricco di storia e tradizione contiene ancora l’anima del suo popolo: i suoi passi e le sue musiche non sono un semplice ballo, ma un modo di intendere la vita, di esorcizzare le difficoltà, di corteggiare, di celebrare la terra e quello che la natura offre.
Questo gruppo che state vedendo si chiama La Cocolla de Mojià, vi consiglio di seguirli per conoscere i posti dove si presentano e insegnano le persone a ballare. Il saltarello è un patrimonio culturale senza tempo, da ricordare e da tramandare.
Che ne dite, balliamo anche noi?



4) Assaggiate i sughitti
Concediamoci adesso una pausa dedicata al palato e alla contaminazione dei sensi. Poche cose sono in grado di raccontarci bene la cultura di un luogo quanto il cibo
A Montecassiano non possiamo non assaggiare i sughitti, una specie di polenta dolce fatta con mosto, noci e farina di granoturco. Conosciuti anche come “polenta dolce”, questo saporito dolce marchigiano veniva preparato in passato subito dopo il periodo della vendemmia
Ogni anno, all’inizio di ottobre, una grande festa autunnale dedicata ai sughitti e arricchita dall’esibizione di gruppi folkloristici viene realizzata in questo borgo . Durante la Sagra dei Sughitti è possibile assaporare tante altre gustose specialità della zona come i vincisgrassi e il vino cotto. Quanti sapori intensi e invitanti!
Udite, udite! L’orologio della piazza sta suonando… che ne dite di fare l’ultima passeggiata per questi vicoli?


5) Lasciate la vostra immaginazione percorrere libera tra gli scorci
Prima di tornare a casa, vi invito ad osservare gli scorci, le persone che passano, le cassette delle lettere di alcune case, ad ascoltare il canto religioso che si sente fuori delle chiese e l’atmosfera speciale che racconta la storia di Montecassiano
Lasciate libera la vostra immaginazione e usate tutti i sensi. Vi assicuro che in questo modo Montecassiano sarà molto di più di un semplice bel ricordo.


Compagnia della Zandella
Verso metà giugno è possibile imbattersi in artisti di strada e musicisti 
tra i vicoli del centro storico di Montecassiano, con l'evento 
Svicolando
.


Come arrivare a Montecassiano

Distanza dal mare: 25 Km

Come arrivare a Montecassiano in auto: Da Nord: Prendere l’autostrada A14 in direzione di Ancona, uscire a Loreto/Porto Recanati, immettersi sulla SS 16 in direzione Macerata, prendere la SP 24, attraversare Chiarino, Sant’Egidio, proseguire seguendo indicazioni per Montecassiano.

Da Sud: Prendere l’autostrada A14 in direzione di Napoli, uscire a Macerata/Civitanova Marche, immettersi sulla SS 77 in direzione di Tolentino/Macerata, uscire in direzione Corridonia/Piediripa/Macerata, attraversare Piediripa, Macerata, Villa Potenza, proseguire seguendo indicazioni per Montecassiano.

In treno: La stazione ferroviaria consigliata è quella di Macerata (dista 10 Km circa). Si prosegue con il servizio autobus.

In autobus: Dalle principali città italiane partono diverse autolinee per Montecassiano.

In aereo: Aeroporto Raffaello Sanzio, Falconara (AN) distante 43 Km da Montecassiano.

Photowalk 2018: è arrivato il momento di salutarci
Questa è stata l’ultima tappa del photowalk 2018 promosso dalla Regione Marche e Fondazione Marche Cultura.
In questo percorso ho fatto tante belle scoperte, ho visitato tanti nuovi posti e ho conosciuto tante persone. È stato un piacere condividere questi bei momenti con il team che ha organizzato le tappe e con tutti gli altri ambassador
Permettetemi in questo momento di lasciare da parte numeri o algoritmi. Per me è stato molto bello vedere come ognuno di noi è stato in grado in raccontare le stesse esperienze con la propria dose di sensibilità e con occhi diversi. Credo che questa sia la vera bellezza del lavoro di un blogger: riuscire a far emergere dalle proprie parole un pezzettino di sé stesso. Vuol dire anche riuscire a trasmettere il fascino di quel piccolo scorcio dove nessuno si è mai soffermato. Grazie a tutti gli organizzatori e protagonisti di questa bellissima esperienza e grazie ai miei nuovi amici di penna (e di fotografia) per aver reso ogni tappa più conviviale e gradevole. E per finire, ma non di certo meno importante, grazie Marche per stupirmi ogni giorno!


Foto fornita da Silvia Badriotto Regione Marche

 Se vi è piaciuto questo post, vi invito a seguire la pagina Facebook del blog Nice Little Place.  

Continuate a seguire il 
blog della regione.

A presto!



 

 

Juliana de Brito

Appassionata di viaggi, amante della natura e affascinata dalla diversità culturale. Brasiliana, ho una mamma cinese che vive a Rio de Janeiro, un papà cittadino del mondo che vive in Sardegna e i nonni portoghesi.
 

Continua a leggere

Archivio

Tags