CUPRA MARITTIMA: UN ITINERARIO ORIGINALE TRA ARCHEOLOGIA, SPORT E SAPORE DI MARE

Cupra Marittima è una località balneare di pregio della Riviera delle Palme e vanta una sorprendente area archeologica.   

Le Marche mi stupiscono sempre per l’immensa varietà di paesaggi e di cose da fare. Settimana scorsa, per esempio, sono stata a Cupra Marittima, un piccolo borgo medievale e centro balneare in provincia di Ascoli Piceno, nel sud delle Marche.
È una località dove si respira molta tranquillità, è perfetta per le famiglie ma allo stesso tempo è tutt’altro che un’anonima cittadina balneare. Oltre ad avere un lungomare da bandiera blu, Cupra Marittima è un piccolo museo a cielo aperto e offre la possibilità di praticare numerose attività: un’ottima soluzione per chi ama lo sport e preferisce vivere le vacanze al mare in modo più attivo.
 
Qui vi propongo un itinerario ricco di sapore di mare, archeologia e sport: prima di partire però, assicuratevi di avere la macchina fotografica carica e tanta voglia di esplorare!

 
6 Cose da fare a Cupra Marittima
 
1. UNA BELLA PASSEGGIATA SUL LUNGOMARE IN BICICLETTA
Cupra Marittima è una località molto apprezzata dai ciclisti per il suo panorama e i suoi servizi. La pista ciclabile che percorre tutto il lungomare per ben 14 chilometri collega Cupra Marittima, Grottammare e San Benedetto del Tronto. In alternativa alla bicicletta, vi consiglio una bella passeggiata tonificante, magari al tramonto, per ammirare il mare e gli splendidi scorci della costa. Sicuramente non vi deluderà. E alla fine della passeggiata, non c’è niente di meglio di una meritata sosta per uno spuntino dal sapore di mare marchigiano. 



2. IMMERGERSI NELLA STORIA DEL BORGO DI MARANO 
Il borgo fortificato di Marano, nucleo medievale di Cupra Marittima, è un luogo suggestivo che narra la storia del suo territorio. Il Borgo di Marano è conosciuto anche come Cupra Alta ed è circondato da mura con torri quadrate.



All’interno del borgo si trova il Museo Archeologico del Territorio che conserva reperti preistorici e resti della civiltà picena e romana. Il culto della Dea Cupra, da cui il paese trae il nome, era molto sviluppato e il suo tempio era meta di pellegrinaggi. L'incastellamento del paese sul colle di Marano, invece, è dovuto al rifugio dalle incursioni dei barbari. 
L' antico borgo alto, così come tanti altri borghi italiani, si è spopolato lentamente e negli ultimi tempi è stato rivitalizzato grazie alle attività turistiche e culturali della zona. 


 
Un’altra cosa da non perdere è il presepe permanente all’interno della Chiesa cinquecentesca SS. Annunziata. Il presepe, realizzato con molta cura ai dettagli, ripropone diverse scene riguardanti la vita di Gesù e altri momenti biblici. E pensare che i promotori del presepio sono un gruppo di appassionati locali che ne curano ogni anno l’abbellimento con molta dedizione. Un’ammirevole iniziativa: le cose costruite per passione hanno un sapore e un valore diverso.
 


3. AMMIRARE IL PANORAMA MOZZAFIATO DI CUPRA MARITTIMA VISTA DALL’ALTO
A Cupra Alta troverete sicuramente la vista più suggestiva sulla splendida cittadina marchigiana. Pochi borghi offrono un assaggio panoramico abbagliante come quello di Cupra Marittima. Questo scenario è da immortalare con la macchina fotografica, con gli occhi e con il cuore.
 


4. VISITARE L’AREA ARCHEOLOGICA DEL NINFEO ROMANO: LA STORIA A CIELO APERTO
L’Area Archeologica del Ninfeo romano si trova a pochi chilometri dal centro cittadino e consiste in un parco archeologico che conserva i resti dell’impianto urbano di età romana, un foro con un tempio dedicato a Venere, una villa con ninfeo e ambienti termali del I secolo d.C, che confermano la rilevanza della città all’epoca.



Visitando l’area archeologica, ho avuto inoltre la possibilità di scoprire l’associazione cuprense GSC Artocria, specializzata nella rievocazione storico-romana: i figuranti indossano vestiti d’epoca, come le vere armature romane, e rappresentano un pezzo di storia importante durante eventi e manifestazioni in tutta Italia. Un vero tuffo nel passato! Seguendo questo link potrete consultare il calendario degli eventi dell’associazione nel territorio marchigiano.
 



5. CONTEMPLARE E VIVERE IL MARE: BANDIERA BLU, SERVIZI DI QUALITÀ E BUDGET CONTENUTO
Sono ben quattordici i chilometri di sabbia dorata e sottile che fanno brillare il limpido mare di Cupra Marittima. In questo litorale sventola la bandiera blu per la qualità delle acque e dei servizi. La possibilità di fare le vacanze in un bel litorale, con servizi di qualità e con un budget contenuto, è proprio uno degli aspetti che mi ha sorpreso di più. Il costo dei servizi balneari, infatti, sono circa tre o quattro volte inferiori alla media delle zone e regioni limitrofi. La sabbia è fine e morbida e le acque sono limpide e basse vicino alla riva. Insomma, spiaggia a misura di bambino e promossa dai pediatri. Questo per me è il lungomare della libertà, dedicato allo svago, alla contemplazione e alla tranquillità. Perfetto per grandi e piccini.




6. SPORT ACQUATICI: EMOZIONE E ADRENALINA

Con o senza vento, a Cupra Marittima non mancano mai divertimento e spirito atletico. Questa località è molto apprezzata per gli sport praticati sul territorio (vela, kayak, catamarano e windsurf). Se avete lo spirito sportivo o se invece avete voglia di rimettervi in gioco e di provare uno sport nuovo, sicuramente da queste parti non mancheranno alternative! 


 
Che altro dire? A Cupra Marittima ci sono tutti gli ingredienti per un viaggio nelle Marche ricco di archeologia, sport e sapore di mare.
 

Vi è piaciuto l’itinerario? Avete le valigie pronte per fare un giro da queste parti? Vi aspetto!
Se vi è piaciuto questo post, vi invito a seguire la pagina Facebook del blog Nice Little Place.  A presto!
 
 
Il progetto PhotoWalk 2018, promosso da Regione Marche Fondazione Marche Cultura, mi ha permesso di conoscere questa interessante località balneare ricca di storia. Un grazie a tutto il team che ha organizzato questa bella esperienza!

Sei interessato a partecipare ai prossimi Photowalk? Seguite il blog della regione per conoscere le prossime tappe.
 
 
 

 

Juliana de Brito

Appassionata di viaggi, amante della natura e affascinata dalla diversità culturale. Brasiliana, ho una mamma cinese che vive a Rio de Janeiro, un papà cittadino del mondo che vive in Sardegna e i nonni portoghesi.
 

Continua a leggere

Le Marche

Tags